25 Maggio 2024
Newsletter

Come ho conosciuto Pino Pascali

Fabio e Pino sulla spiaggia di Fregene, luglio 1967 – Archivio L’Attico

Cari amici,
il 27 marzo inaugura alla Fondazione Prada di Milano una grande retrospettiva dedicata a Pino Pascali. Noi de L’Attico abbiamo collaborato alla realizzazione della mostra fornendo documenti e informazioni preziose tratte dal nostro archivio.
In questa occasione mi piace raccontarvi come ho conosciuto Pino Pascali.

Siamo a settembre 1966, mi sono appena congedato dal servizio militare come tenente dell’aeronautica. Da quel momento sono più libero e posso muovermi per mostre anche fuori dalla mia città. In un viaggio al nord vedo a Torino la mostra delle Armi di Pascali nella Galleria Sperone. Che ci fanno dei cannoni in galleria?
Lì per lì sono scioccato. Ma la cosa mi lavora dentro.
Di ritorno a Roma cerco al telefono Pascali. Lui mi risponde di rimandare il nostro incontro di qualche giorno perché è caduto dalla motocicletta. Chi l’avrebbe detto che due anni dopo sarebbe morto proprio così?
Quando ci incontriamo non ci sono armi nello studio, bensì un mare di onde bianche di tela tesa su centine di legno.
Al centro del mare, al posto di un’onda, c’è lui, Pascali. Mi accorgo che è un performer nato.

Pino Pascali con Il mare nel suo studio di via Boccea, settembre 1966 – Archivio L’Attico

Stupefacente come sia cambiata la sua tecnica rispetto alle armi. Ma la potenza dell’immagine è intatta. Subito gli propongo di lavorare insieme e di fare una mostra personale a L’Attico. Ed è questo mare che occupa tutto lo spazio de L’Attico di Piazza di Spagna, la galleria che ho condiviso con mio padre, e che, per la prima volta, conduco da solo.

Pino Pascali, Il mare, 29 ottobre 1966, L’Attico di Piazza di Spagna – Archivio L’Attico

Oltre al mare ci sono una coda di delfino e una di balena che sporgono dal muro. Queste tre opere hanno un valore singolo, ma tutte insieme costituiscono un valore aggiunto, un’installazione ante litteram.
Lui la chiama “ingombro totale”. Questa concezione nuovissima dello spazio mi guiderà due anni dopo nella scelta rivoluzionaria del garage di via Beccaria.

Fabio Sargentini